Islam e omosessualità ~ Notizie gay dal mondo

viaggiare, esplorare, ascoltare, sentire...

⬇️ Clicca qui - Supportami su Patreon ⬇️

Translate

martedì 1 novembre 2016

Islam e omosessualità




La Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo è stata approvata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1948 e specifica che i diritti sono uguali ed inalienabili per tutti gli esseri umani, sempre e ovunque.
L'Articolo 2 della dichiarazione stabilisce che:

Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà della presente Dichiarazione, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione

Seppure non non vi sia un chiaro riferimento all'orientamento sessuale, le parole “senza distinzione alcuna” sono inequivocabili.
Amnesty International ribadisce che se tolleriamo che vengano schiacciati i diritti anche di una sola minoranza si rinnega il principio di uguaglianza per tutti gli esseri umani ed, in particolare, è importante che siano difesi i diritti di gay e lesbiche da chi si batte per i diritti umani in quanto l'orientamento sessuale (così come la razza o il sesso) è parte integrante dell'identità personale.
Nonostante questo e nonostante i numerosi abusi in diverse parti del mondo, le Nazione Unite hanno affrontato il problema solamente nel 2003, quando il Brasile presentò una risoluzione esprimendo “grande preoccupazione per gli abusi e le violazioni dei diritti umani nel mondo legati all'orientamento sessuale”.
La proposta fu di fatto bocciata da cinque paesi musulmani (Arabia Saudita, Egitto, Libia, Malaysia e Pakistan) che fecero largo ricorso all'ostruzionismo e costrinsero la Commissione a sospendere il dibattito.
L'episodio portò comunque a galla un argomento ostico che non tutti i paesi erano pronti o propensi ad affrontare e contribuì a mettere in luce il profondo divario culturale tra:
  • Chi sosteneva che i governi dovessero vigilare sui principi morali dei propri cittadini
  • E chi affermava che ciò che adulti consenzienti fanno in privato non riguarda le autorità e che, utilizzando le parole del rappresentante canadese, “lo Stato non dovrebbe intromettersi nelle camere da letto del paese”

Perciò mentre in alcuni paesi la legittimazione dell'attività omosessuale è stata accompagnata da leggi che impediscano la discriminazione (es. Sudafrica, Canada, Irlanda, Israele, Slovenia, Spagna), in gran parte dei paesi musulmani vigono ancora pene di detenzione, corporali o addirittura la pena di morte.
Secondo il sito web sodomylaws.org la sodomia è punibile con la pena di morte in almeno quattro paesi arabi: Arabia Saudita, Mauritania, Sudan, Yemen.
Anche in Iran, paese non arabo del Medio Oriente, esiste la pena di morte. In altri stati la pena massima prevista è la reclusione (fino a dieci anni in Berhein, sette anni in Kuwait, cinque anni in Libia e Qatar, tre anni in Algeria, Oman, Marocco, Somalia e Tunisia, un anno in Libano e Siria).

In Iran per gli atti omosessuali con penetrazione è prevista appunto la pena di morte; gli atti senza penetrazione sono puniti con la fustigazione le prime tre volte e con l'esecuzione la quarta volta. Gli atti sessuali fra donne sono definiti in modo diverso dal diritto, ma le pene sono le stesse previste per gli atti senza penetrazione tra uomini.

In Egitto non esistono leggi specifiche sulla sodomia benché vengano utilizzate altre leggi per avviare procedimenti penali nei confronti di chi pratica attività omosessuale. Fra queste, la più importante era stata originariamente introdotta per combattere la prostituzione, ma è potenzialmente in grado di criminalizzare qualsiasi rapporto occasionale o promiscuo a prescindere dal sesso delle persone coinvolte.
Il termina arabo per “prostituzione” è infatti “di' ara”, ma la commissione parlamentare che si occupò di redigere la legge nel 1949 inserì anche la parola “fujur” (depravazione).
Inoltre è prevista la reclusione fino a tre anni per chiunque pubblichi inviti che incoraggino la prostituzione o la depravazione, diffonda annunci che violino la morale pubblica o pratichi atti scandalosi in pubblico. Infine:
Chiunque, su una strada pubblica o in un posto molto trafficato, istighi i passanti con segnali o parole a commettere delle indecenze dovrà essere punito con la reclusione per periodo non superiore ad un mese.

In Libano i processi vengono intentati in base all'articolo 534 del codice penale nel quale si afferma che tutti i rapporti “contro natura” devono essere puniti con la reclusione fino ad un anno. L'applicazione di questo articolo è stata estesa dai giudici anche alla fellatio, la masturbazione ed il sesso fra lesbiche anche se la legge viene applicata in particolari circostanze, più che altro quando ci sono di mezzo altri crimini (furto, omicidio, prostituzione).

L'unico paese arabo dove sono state recentemente e provatamente eseguite condanne a morte per atti omosessuali è l'Arabia Saudita che prevede la pena capitale per una vasta gamma di reati oltre alla sodomia (omicidio, adulterio, furto, spaccio di droga, sabotaggio, stregoneria, apostasia (abbandono dell'Islam) e corruzione. Tuttavia le pene più comuni rimangono la reclusione e la fustigazione. Volendo credere alle voci ufficiali nessuna delle recenti esecuzioni è legata esclusivamente all'omosessualità o alla sodomia: erano coinvolti anche altri reati.

Nell'Africa Subsahariana, teatro già di per sé di grandi conflitti etnico – religiosi, l'omosessualità è illegale in numerosi paesi (solo in Sudafrica è riconosciuto il matrimonio tra persone dello stesso sesso): in alcuni di questi è prevista addirittura la pena di morte, in particolare in quelli a predominanza islamica come la Somalia (dove oltre il 95% della popolazione è musulmana) e la Nigeria.


Va precisato che nemmeno il cristianesimo riesce spesso ad essere conciliante nei confronti dell'omosessualità, ma appare lampante che in questo particolare momento storico l'islam riesce a battere, in quanto a odio ed intolleranza, persino i cristiani.


Share:

0 commenti:

Posta un commento

Iscriviti alla newsletter

IN PRIMO PIANO

Informazioni personali

La mia foto
Sono un giovane blogger, classe '90, con la passione per il cinema, i libri, i viaggi e l'attualità.
Notizie Gay dal Mondo nasce dal desiderio di aprire un dialogo che non sia unidirezionale e di comunicare attivamente con i lettori.
Vuoi sostenere il mio lavoro di blogger? In caso ti faccia piacere visita https://www.patreon.com/damianodario (Ogni contributo è importante, anche un solo euro!)

Seguimi con un click