Ricordate la storia del baby-sitter diciottenne di Daytona Beach condannato a 25 anni di carcere per molestie sessuali? Ecco tutta la verità ~ Notizie gay dal mondo

viaggiare, esplorare, ascoltare, sentire...

⬇️ Clicca qui - Supportami su Patreon ⬇️

Translate

mercoledì 29 luglio 2015

Ricordate la storia del baby-sitter diciottenne di Daytona Beach condannato a 25 anni di carcere per molestie sessuali? Ecco tutta la verità



È successo a Daytona Beach, Florida, dove un padre di 35 anni ha sorpreso Raymond Frolander, baby-sitter diciottenne , sul letto insieme al figlio di 12 anni.
A quel punto Frolander veniva brutalmente picchiato, come confessa lo stesso Jason Browning (padre del ragazzino) telefonando al 911 (il numero americano per le emergenze):

"Non mi sono preoccupato di porgli nessuna domanda, signore. Ora è qui bello steso sul pavimento per lei. L'ho trascinato in soggiorno. Quando l'ho visto alzarsi ed i pantaloni gli sono scivolati alle ginocchia non c'era più nulla che andasse detto."

Inoltre Browning non solo non è stato incriminato per lesioni, ma la sua reazione è stata anche condivisa dal capo della polizia di Daytona Beach, Mike Chitwood:
"Io avrei fatto lo stesso" ha dichiarato "si è comportato semplicemente come un qualunque altro padre avrebbe fatto"
Frolander ha deposto una "dichiarazione di colpevolezza" (che tuttavia non è da confondere con una confessione come è intesa nel nostro sistema giuridico), ammettendo di aver praticato sesso orale sul ragazzino dodicenne (Jason Lee B.) ed è stato condannato a 25 anni di reclusione.

Tuttavia su Facebook è presente una pagina che titola Raymond Frolander is innocent che ha già collezionato centinaia di like e di condivisioni e che mette in luce vari aspetti oscuri e poco noti di questo caso.

Premettiamo che il famoso regista e scrittore statunitense Micheal Moore nel suo celebre libro Stupid white man fa notare come nel suo paese gli accusati di un qualsiasi crimine, se indigenti e senza la possibilità di pagare le spese processuali, siano spesso costretti dai giudici e dagli stessi avvocati d'ufficio a dichiararsi colpevoli al fine di risparmiare allo Stato tempo e denaro. Ne consegue che, secondo le statistiche, circa il 5% delle persone recluse nelle carceri americane, sarebbe in realtà innocente.

Ritornando al caso specifico è poco noto che il signor Jason Browning, dopo aver malmenato il presunto pedofilo R. Frolander e dopo averlo trascinato in soggiorno in stato di incoscienza, si è subito preoccupato di scattargli una foto, che ha immediatamente diffuso sul web, vantandosi del gesto.




Dopodiché ha postato un annuncio sul sito gofoundme.com (sito che serve a raccogliere denaro grazie a elargizioni/donazioni di beneficenza), postando la foto del figlioletto presunto stuprato e chiedendo 1 milione di dollari per "ricostruirne l'innocenza" (Rebuilding innocence era il nome della campagna lanciata un anno fa, nel giugno 2014, chiusa pochi giorni dopo grazie alla decisa condanna dei media e delle testate americane)

"Stiamo cercando qualcuno che possa aiutarci" recitava l'annuncio "Il nostro bambino ha subito delle molestie sessuali ed ora dobbiamo ricostruire i pezzi e non ci possiamo permettere questo onere finanziario... per favore... qualcuno ci aiuti... Dio vi benedica."
Inoltre, questo Jason Browning non è certo un "comune padre di famiglia" né quello che si dice "uno stinco di santo", infatti risulta registrato per il sequestro di una o più persone minacciandole con un'arma da fuoco, nonché per altri reati minori.

Per di più, qualche mese dopo l'accaduto, pare abbia accusato la sua stessa figliastra di "pedofilia". A riprova di ciò vi sarebbe uno scatto di una conversazione facebook diffuso sul web dalla stessa Lorraine Browning (la figliastra), apparentemente convinta dell'innocenza di Frolander.



E che aggiungere d'altro se non che la versione della presunta vittima non è mai stata ascoltata pubblicamente, perché un processo non c'è mai stato?

In sostanza, questo caso non ha fatto altro che alimentare il pregiudizio "OMOSESSUALE = PEDOFILO" tra quella fascia di popolazione americana più becera ed ignorante. Tralasciamo il fatto che la percentuale di pedofilia, così a sensazione, è molto più alta tra gli ecclesiastici che tra gli omosessuali... a parte questo, siamo sicuri che i fatti siano andati veramente come riportano la polizia di Daytona Beach ed i media?



Share:

0 commenti:

Posta un commento


Ordina ora "Il sole d'agosto sopra la Rambla" su Amazon.it !

Sono un affiliato Amazon!

https://www.amazon.it/?&tag=notgaydalmon-21;camp=3338&creative=23382&linkCode=ez&adid=1YPP5FEP14364V0RPCYB&

Cosa significa?
Tutte le volte che acquisterete un prodotto su Amazon cliccando sulla foto qui sopra o tramite i reindirizzamenti che troverete in alcuni post o immagini all'interno del blog, io riceverò una piccolissima commissione,appunto, da parte di Amazon.
Non sarete quindi voi a pagarmi, ma Amazon - a voi tocca solo il "disturbo" di cliccare sul link per fare gli acquisti.
Grazie mille per la vostra attenzione!

Iscriviti alla newsletter

Seguimi con un click


Acquista "Il sole d'agosto sopra la Rambla" di Damiano Dario Ghiglino, sia in formato eBook che cartaceo, su Amazon.it !

IN PRIMO PIANO

Chi sono

La mia foto
Sono un giovane blogger, classe '90, con la passione per il cinema, i libri, i viaggi e l'attualità.
Notizie Gay dal Mondo nasce dal desiderio di aprire un dialogo che non sia unidirezionale e di comunicare attivamente con i lettori.
Vuoi sostenere il mio lavoro di blogger? In caso ti faccia piacere visita https://www.patreon.com/damianodario (Ogni contributo è importante, anche un solo euro!)

Blog Archive


Acquista il nuovo romanzo di Cristiano Pedrini su Amazon.it !