È tempo per un cambiamento in Egitto? ~ Notizie gay dal mondo

viaggiare, esplorare, ascoltare, sentire...

⬇️ Clicca qui - Supportami su Patreon ⬇️

Translate

giovedì 30 novembre 2017

È tempo per un cambiamento in Egitto?


Concerto del cantante Mashrou' Leila al Cairo

In Egitto non esistono leggi specifiche sulla sodomia benché vengano utilizzate altre norme e cavilli giudiziari per avviare procedimenti penali nei confronti di chi pratica attività omosessuale. Fra queste, la più importante era stata originariamente introdotta per combattere la prostituzione, ma è diventata potenzialmente in grado di criminalizzare qualsiasi rapporto occasionale o promiscuo a prescindere dal sesso delle persone coinvolte.
Il termina arabo per “prostituzione” è infatti “di' ara”, ma la commissione parlamentare che si occupò di redigere la legge nel 1949 inserì anche la parola “fujur” (depravazione).
Per un approfondimento leggi anche: Islam e omosessualità

Persino l'applicazione Grindr mette in guardia: "Le autorità egiziane stanno arrestando persone Lgbt, la polizia stessa potrebbe fingersi Lgbt all'interno dei social media per tenderti una trappola, fai attenzione a chi incontri e a non postare informazioni che possano rivelare la tua identità

Recentemente vi è stata un'ondata di arresti, con epicentro nella capitale, in seguito all'apparizione di bandiere arcobaleno durante il concerto del cantante Mashrou’ Leila, interprete indie rock libanese che si definisce fieramente musulmano, arabo e gay. Successivamente alla reazione furiosa dei media egiziani, per lo più conservatori e fortemente legati al governo, circa 70 individui appartenenti alla comunità Lgbt sono stati arrestati con l'accusa di "dissolutezza dei costumi" e "depravazione".
Di questi, secondo gli ultimi aggiornamenti, almeno 16 sono stati condannati a tre anni di carcere ed altri tre anni di libertà condizionata.

Attualmente la libertà di espressione è seriamente in pericolo in Egitto, persino il famoso poeta Mohsen al-Balasy, dopo aver affermato in diretta su al-Mehwar TV che "la società non dovrebbe escludere chi è diverso" è stato fatto allontanare dagli studi della trasmissione. Dopodiché non sono tardate le telefonate (sempre in diretta e in questo caso senza censura) di spettatori inferociti. I gay dovrebbero essere condannati a morte, Balasy stesso dovrebbe essere "esaminato" dal ministro della sanità: questi i toni di un Egitto che si fa sempre più portavoce di discriminazione e omofobia.

Secondo numerose fonti almeno cinque dei detenuti sarebbero stati sottoposti a un esame anale volto a verificare la presunta omosessualità.

Share:

0 commenti:

Posta un commento


Ordina ora "Il sole d'agosto sopra la Rambla" su Amazon.it !

Iscriviti alla newsletter


Acquista "Il sole d'agosto sopra la Rambla" di Damiano Dario Ghiglino, sia in formato eBook che cartaceo, su Amazon.it !

IN PRIMO PIANO

Seguimi con un click

Blog Archive


Acquista il nuovo romanzo di Cristiano Pedrini su Amazon.it !