In breve: Le 15 città meno “gay friendly” (e non solo) del pianeta ~ Notizie gay dal mondo

viaggiare, esplorare, ascoltare, sentire...

⬇️ Clicca qui - Supportami su Patreon ⬇️

Translate

giovedì 30 luglio 2015

In breve: Le 15 città meno “gay friendly” (e non solo) del pianeta


Ecco gli ultimi 11 posti della classifica... e le altre 4? Inviate dei suggerimenti o provate ad indovinare...


15. Port Moresby, Papua Nuova Guinea

L'omosessualità risulta illegale nell'intero paese ed è punibile con la reclusione. In particolare la capitale, Port Moresby, è poco sicura per qualsiasi turista. Tuttavia a poche miglia dalla città sorge un piccolo villaggio di tolleranza (Hanuabada) abitato e frequentato in larga parte da uomini gay (“Gelege” in lingua locale)

Port Moresby, Papua Nuova Guinea




14. San Pedro Sula, Honduras

Seconda città dell'Honduras per popolazione dopo la capitale Tegucigalpa, è considerata una delle più pericolose al mondo con un tasso di omicidi annuo pari a circa 160 ogni 100.000 abitanti


13. Mosca, Russia

Nonostante la repressione del governo e la crescente omofobia, la vita gay nella capitale russa riesce a resistere e a vibrare...



12. Pyongyang, Corea del Nord

Anche se non esistono espressamente leggi contro l'omosessualità, è comunque presente una mancanza di libertà di espressione ed associazione generalizzata. Inoltre se non si rispettano le usanze del paese, le possibilità di finire in prigione (o in un campo di concentramento) e di non uscirne più sono assai elevate

11. Linfen, China

La Cina contemporanea non si è certamente affermata come portatrice del vessillo dei diritti lgbt: in particolare, questa città di oltre quattro milioni di abitanti situata nella regione dello Shanxi è conosciuta per essere una delle più inquinate del pianeta a causa delle numerose industrie di raffinazione che la circondano.



10. Gaborone, Botswana

Nonostante la vicinanza con il Sudafrica (che riconosce il matrimonio omosessuale), il Botswana è ancora ben distante dall'essere una meta “gay friendly”

9. Dzerjinsk e Noril'sk, Russia

Queste due città, oltre a trovarsi in Russia, sono le più inquinate del mondo a causa dell'industria chimica. A Dzerjinsk la speranza di vita è di circa quarant'anni



8 Chernobyl, Ucraina

La città oggi è abitata da circa 500 persone ed è ancora estremamente pericolosa a causa degli isotopi radioattivi e dalla fuoriuscita costante di radiazioni dal sarcofago, ormai fatiscente e fitto di crepe, che ricopre il reattore di Pripyat. Se decidete di andare in vacanza in Ucraina, non scegliete Chernobyl come meta.

7. Mogadishu, Somalia

L'omosessualità in alcune zone del paese è ancora punita anche con la morte e per di più, dal 2006, è in corso un'aspra guerra civile. Tuttavia la capitale a volte riesce a mostrarsi tollerante. Nel 2014 è stato celebrato un matrimonio gay.




6. Nouakchott, Mauritania


In Mauritania, secondo il codice penale, l'omosessualità è punita tramite lapidazione                                                                                                                                                                                             
5. Ahvaz, Iran

In Iran i rapporti tra uomini possono essere puniti con la morte o attraverso fustigazione, secondo la legge della Sharia. Inoltre Ahvaz è considerata la città più inquinata al mondo, conseguenza dell'industrializzazione sfrenata e dell'uso indiscriminato dei combustibili fossili.


Share:

0 commenti:

Posta un commento

Iscriviti alla newsletter

IN PRIMO PIANO

Seguimi con un click

Informazioni personali

La mia foto
Sono un giovane blogger, classe '90, con la passione per il cinema, i libri, i viaggi e l'attualità.
Notizie Gay dal Mondo nasce dal desiderio di aprire un dialogo che non sia unidirezionale e di comunicare attivamente con i lettori.
Vuoi sostenere il mio lavoro di blogger? In caso ti faccia piacere visita https://www.patreon.com/damianodario (Ogni contributo è importante, anche un solo euro!)

Blog Archive